Perchè proprio a me

Perchè-proprio-a-me-2

Tela di cotone su supporto in legno, cerini e curiosità di bimbo.

61,5 x 61,5 Anno: 2009

EL00018ON

Dissi quel giorno ai miei nipoti:
“Sceglietene uno ed accendetelo”.
Quante probabilità aveva quel cerino di finir bruciato?
1 su 1089. Meno dello 0,092%.
Ma a qualcuno. . . doveva pur toccare.

Perchè-part-5

Chiunque si renda protagonista di un evento fortunato ed improbabile, giudicherà la cosa giusta e meritata. Ma se l’evento improbabile risulta invece particolarmente nefasto, ecco che il primo pensiero sarà quello di quel cerino:”Perché, fra tanti, doveva capitare proprio a me?”.

Il giardino intitolato a E.T.A. Hoffman. “Si entra e si prova l’esperienza di qualcosa che disturba. Sì, è instabile; ci si sente un po’ male camminandoci dentro. Ma è voluto”. (D.L.)

DSC_3530

La passeggiata nel giardino di Hoffman l’ho fatta ben due volte ed in tempi diversi. In entrambe le circostanze ho avvertito quel senso di disturbo e di malessere dovuto all’inclinazione del pavimento che ti fa perdere centralità, equilibrio e sicurezza. Qualcosa di quelle passeggiate deve essermi rimasta dentro e, forse, è venuta incosciamente fuori quando ho ragionato sulla composizione spaziale del “Perchè proprio a me”.